Mostrare la nostra posizione esatta sulle Google maps con Latitude

Ecco in arrivo, da pochissime ore, una nuova applicazione dell’ormai onnipresente Google, il Gigante di Internet, applicazione che crediamo stupirà molti, ma che porrà, ne siamo certi, anche molti interrogativi legati alla privacy.

Si tratta di Google Latitude.
Un’applicazione per cellulari che ti darà la possibilità di condividere la tua posizione con gli amici e di visualizzarne la loro sulla mappa.

Una vera chicca, perchè effettivamente nasce un nuovo metodo di rimanere in contatto con gli amici e conoscenti. E anche perchè, a seconda del sistema utilizzato di localizzazione, si arriva ad una precisione nella localizzazione veramente impressionante!
Ecco a tal proposito cosa si legge sulla pagina Google dedicata a Latitude:

“1. Il livello di precisione del sistema WiFi è simile alla copertura di un router WiFi, circa 200 m o superiore.
2. In assenza del segnale WiFi, il servizio La mia posizione (beta) utilizza
il database di Google sull’ubicazione delle stazioni radio base. La precisione dipende dai dati resi disponibili dalla stazione radio base
3. La precisione del sistema GPS può variare di diversi metri in base al segnale e alla connessione. “

Tale applicazione funziona su telefonini che supportano Google Maps per cellulari 3.0 e versioni successive.
Ecco più in profondità i dispositivi abilitati (sempre dal sito Google):

“- Dispositivi con sistema operativo Android con Google Maps 3.0 e versioni successive
– La maggior parte dei dispositivi BlackBerry
– La maggior parte dei dispositivi Windows Mobile che dispongono di Windows Mobile 5.0 e versioni successive. Nota. Non tutti i dispositivi Windows Mobile <!––>supportano il rilevamento della posizione tramite cell ID<!––>.
– La maggior parte dei dispositivi Symbian S60

Già possiamo immaginare i risvolti legati alla privacy, come dicevamo poco sopra.
Non crediamo infatti che sia sempre piacevole avere un “occhio elettronico” che ci mette il fiato sul collo, una specie di Grande Fratello insomma, che ci controlla e monitora ogni nostro movimento che facciamo sulla terra, per poi mostrarlo ai nostri amici.
Che sono sì amici e persone di cui ci fidiamo, ma insomma, qualche volta, ci farà anche piacere essere un po’ più invisibili, no?

A questo problema avranno pensato sicuramente anche gli sviluppatori dell’applicazione, se è vero che hanno previsto delle funzioni atte a ristabilire un po’ di “intimità personale”, come quella di condividere la posizione solo a livello di città, o bloccare momentaneamente latitude, e scomparire così dai “radar” dei nostri amici che magari, con famelica curiosità, non aspettano altro che vedere ogni nostro movimento!

Insomma, ci sarà sicuramente da parlarne nei prossimi giorni. E statene certi che il tam tam mediatico a breve alzerà dei polveroni costringendo di conseguenza anche l’opinione pubblica a prendere posizione. Come già è successo e succede ancora per ogni novità, bella o brutta che sia!