Quanto spendono i politici in pubblicità? Ve lo dirà Facebook!

Facebook mostrerà quanto spendono i politici in pubblicità: parola di Rob Goldman, vicepresidente degli annunci pubblicitari del famoso Social Network, che sul blog ufficiale della società di Zuckerberg ha annunciato agli utenti la possibilità di poter visualizzare i post a pagamento di una pagina in esecuzione sia su Facebook che su Messenger o Instagram, a prescindere dal fatto di essere o meno il target di riferimento di quella stessa pagina. Tutto ciò per assicurare agli utenti del Social Network più utilizzato al mondo una maggiore trasparenza e per evitare scandali ed eventuali brogli.

La fase test

Sapere quanto spendono i politici in pubblicità sarà quindi possibile grazie a Facebook che ha deciso di avviare i test riguardanti la nuova funzione già a partire dal prossimo mese. Per ogni pagina comparirà un bottone “Visualizza gli annunci“, e saranno coinvolte tutte le tipologie di pagina, dalle figure pubbliche a gli editori, passando per le associazioni no profit e le amministrazioni pubbliche. Questa fase iniziale di test comincerà in Canada il prossimo mese e, secondo le stime di Zuckerber & Co, dovrebbe arrivare negli Stati Uniti entro l’estate del 2018 in vista delle elezioni politiche di metà mandato previste per il 6 novembre 2018. La novità dovrebbe poi coprire tutti i Paesi del mondo entro l’autunno del prossimo anno.

“Quando si tratta di pubblicità su Facebook, le persone devono essere in grado di determinare chi è l’inserzionista e vedere gli annunci in esecuzione, in particolare gli annunci politici. Questo livello di trasparenza favorisce la democrazia, ed elimina le zone d’ombra durante le campagne elettorali.

Con queste parole Rob Goldman spiega la nuova funzione del famoso Social Network, che durante  la fase di test in Canada mostrerà soltanto gli annunci attivi. Mentre si prevede di rendere disponibile un archivio di annunci relativi alle elezioni federali del 2018, per mostrare sia gli annunci storici che quelli attuali, nel momento in cui la funzione sarà arrivata negli Stati Uniti.

Perché è importante sapere quanto spendono i politici in pubblicità?

L’archivio, che sarà direttamente consultabile dagli utenti, coprirà un periodo di quattro anni a partire dalla creazione dello stesso, e nella fattispecie sarà possibile consultare i dettagli sugli importi spesi, il numero di persone raggiunte con la pubblicità, e le informazioni demografiche del target di riferimento.

Ma perché è importante sapere quanto spendono i politici in pubblicità, e soprattutto perché è utile avere sempre a disposizione un archivio che permetta di visualizzare le campagne pubblicitarie precedenti? Per rispondere a questa domanda, tutt’altro che banale e scontata, basta sapere che Facebook richiederà agli inserzionisti che intenderanno inserire annunci politici, di verificare la propria identità con l’invio di documentazione approfondita riguardante il proprio ruolo, e ricordare cosa successe in Russia durante la campagna di Trump per le presidenziali del 2016 negli Stati Uniti.

Se a questi due piccoli accorgimenti aggiungiamo poi i rumors, continuamente smentiti, almeno per il momento, che vedono Zuckerberg candidato alle presidenziali del 2020, possiamo tranquillamente ipotizzare che a qualcuno preme davvero tanto la questione trasparenza.