Samsung Connect Tag aiuta a tenere traccia dei propri oggetti

Avanzano nel mercato i primi dispositivi dedicati al tracking. Già qualche mese fa la Nokia aveva lanciato un dispositivo chiamato Treasure Tag che tramite il GPS integrato era in grado di localizzare qualsiasi cosa o persona alla quale fosse stato agganciato l’oggetto. Samsung ha ora lanciato sul mercato un device analogo che si prepara a fare il suo debutto in Corea (e per ora solo li): il Samsung Connect Tag.

Samsung Connect Tag

La funzione di questo nuovo accessorio è pertanto molto simile a quello di Nokia: mediante l’ausilio di una piccola quantità di dati che vengono trasferiti al GPS sarà possibile tenere traccia degli spostamenti dell’oggetto in tempo reale tramite il proprio smartphone, ma a differenza della sua controparte prodotta dalla casa Finlandese non sarà necessario tenere attivo il collegamento Bluetooth.

Samsung Connect Tag

Samsung Connect Tag funziona grazie ad una e-Sim incorporata che sfrutta la tecnologia NB-IoT (ovvero “Narrowband-Band Internet of Things”) limitando l’uso della batteria e della connessione dati . La batteria da 300 mAh garantisce una autonomia di una settimana e può essere ricaricata mediante il cavo micro USB fornito in dotazione nel packing. Il nuovo gioiellino di Samsung è inoltre dotato di accelerometro e certificazione IP68 contro acqua e polvere. Il sistema operativo Tizen IoT presente nel Tag è compatibile con le attuali versioni di Android Marshmellow e superiori.

Da sottolineare anche la capacità del dispositivo di interagire con SmarThings (ovvero il sistema che permette di rendere la casa “intelligente” progettato e brevettato dall’azienda sudcoreana) il che può tradursi in molteplici utilizzi per la casa come ad esempio il controllo delle luci in una stanza mediante lo stesso Connect Tag.

Pur limitandosi inzialmente al mercato Coreano in futuro il dispositivo verrà commercializzato in altri paesi ma al momento il prezzo per il connect tag non è confermato.