Come velocizzare Windows 10

E’ vero, un pc lento non è semplicemente noioso, ma è una vera e propria tortura. L’aggiornamento a Windows 10, inoltre, è stato “indolore” per alcuni utenti, mentre altri hanno riscontrato diversi problemi, arrivando persino a sostenere che è stato proprio l’upgrade la causa del rallentamento del loro pc. Peraltro è piuttosto difficile riuscire a individuare le cause effettive della lentezza del sistema operativo. Certo, molti siti web dichiarano di avere “il miglior trucco” oppure “il segreto” per velocizzare il tuo pc, ma devi sapere che si tratta di falsi programmi che non hanno alcun effetto positivo, anzi potrebbero contenere adware, spyware e persino virus.

Di seguito troverai, quindi, i modi più sicuri per velocizzare Windows 10.

Come attivare l’avvio rapido di Windows 10

La prima cosa cui devi pensare è l’avvio del sistema operativo. Windows 10 include una modalità Avvio rapido (Fast Startup), che riduce il tempo di avvio del pc.

Per attivarla devi:

  1. Innanzitutto aprire le impostazioni e fare click su “Sistema“,
  2. Poi su “Alimentazione e sospensione“,
  3. Quindi su “Impostazioni di risparmio energia aggiuntive“,
  4. A questo punto vai su “Specifica comportamento pulsanti di alimentazione“,
  5. Po su “Modifica le impostazioni attualmente non disponibili“:
  6. Nella finestra, spunta l’opzione “Attiva Avvio Rapido (scelta consigliata)”,
  7. Infite “Salva cambiamenti”.

Ottimizzare i processi all’avvio con Task Manager

Impostare quali programmi devono avviarsi contemporaneamente con l’avvio del pc è un altro passo importante per velocizzare il tuo Windows 10. Il modo più semplice per configurare il boot di sistema è Windows 10 Task Manager.

Puoi aprire task manager in due modi: dalla barra delle applicazioni cliccando su “Gestione attività” oppure con la combinazione di testi CTRL+Maius+Esc. Clicca su “Avvio” e scegli quali programmi attivare o disattivare.

E’ consigliato disattivare tutti i programmi che non usi o che comunque ritieni superflui, tranne ovviamente le componenti hardware come la stampante o la tastiera. Ottimi software di pulizia per Windows come CCleaner includono anche uno strumento per l’ottimizzazione dell’avvio.

Come liberare la CPU

Ci sono dei programmi che tendono quasi a monopolizzare la CPU, rallentando a loro volta altri programmi e rendendo l’uso del computer estremamente fastidioso. E’ difficile individuare precisamente ogni singolo software che possa avere pesanti ricadute sulla potenza del processore, ma ce ne sono alcuni di cui puoi tranquillamente fare a meno. Il primo è OneDrive, il programma di Cloud-Storage della Microsoft. Il processo è sempre attivo in background, affaticando il processore e, soprattutto se non utilizzi OneDrive, puoi disattivarlo o disinstallarlo, seguendo le indicazioni suggerite dalla Microsoft in questa semplice guida.

Eliminare i Software preinstallati (Bloat)

Ebbene sì, purtroppo anche Windows 10 ha i suoi software bloat o “bloatware”, come vengono solitamente indicati i programmi pre-installati che trovi sui pc appena acquistati. Questi software presentano diversi problemi. Non solo i loro files di installazione occupano spesso centinaia di MB di spazio sul disco rigido, ma si aggiornano automaticamente, talvolta girano persino in background a tua insaputa, rallentando le prestazioni del tuo Windows 10.

Puoi disinstallare i bloatware in due modi. Il modo “tradizionale” consiste nell’aprire il pannello di controllo, cliccare su “Programmi e funzionalità” e da lì selezionare il programma e cliccare “Disinstalla”.

L’altro modo è utilizzare un software non preinstallato come Revo Uninstaller (disponibile anche nella versione free), che sa fare davvero bene il suo lavoro.