Come virtualizzare Windows

Se avete da poco acquistato un Mac e ancora avete bisogno di utilizzare alcune applicazioni disponibili solo per Windows, non disperatevi. Esistono alcune soluzioni di virtualizzazione del Windows su Mac abbastanza pratiche ed efficaci. Considerando inoltre che dal 2006, i Mac hanno di serie i processori Intel, ciò ha reso ancora più semplice la virtualizzazione stessa del Windows.

Un programma gratuito per virtualizzare Windows: Virtual Box

Un software gratuito e liberamente scaricabile è Virtual Box 4.2.4. Una volta che avete terminato il suo download, è necessario aprile il file e scompattare il suo installer in formato pkg. A questo punto è possibile installare il programma. Dopo aver avviato quest’ultimo dal menù Applicazioni, si aprirà un’interfaccia nella quale scegliere la versione d’installazione di Windows. Seguendo una serie d’impostazioni, Virtual Box creerà una sorta di partizione virtuale personalizzabile. Infatti, l’utente potrà liberamente scegliere la quantità di ram utilizzata dalla Macchina Virtuale e le dimensioni del disco rigido abbinato al Windows.

Un altro software molto simile Parallels per Mac OS X

Un programma molto simile a quello citato in precedenza è Parallels, il quale non è gratuito ma costa ben 63 euro. Quest’ultimo è una soluzione maggiormente professionale rispetto al precedente e supporta diverse versioni di Windows. Il procedimento di installazione e creazione della Macchina Virtuale è molto simile a quello di Virtual Box. Un grandissimo vantaggio di Parallels è che vi permette di far girare Windows in finestra in contemporanea con il sistema Mac OS X, oppure a schermo intero come se il vostro Mac fosse un PC. Infine supporta anche l’accelerazione grafica 3D da parte della vostra scheda grafica integrata o dedicata.

Un ultima soluzione disponibile: VMware Fusion

Un ultimo programma sempre a pagamento per virtualizzare Windows è VMware Fusion. Esso è disponibile in versione base e Pro. E’ una normalissima applicazione che permette dopo la sua installazione, di scegliere la versione di Windows da emulare. Come in Parallels, l’utente può selezionare la quantità di ram utilizzata dal PC virtuale e le dimensioni del disco rigido. Infine, supporta l’accelerazione 3D della vostra scheda grafica, ma con risultati non del tutto eccelsi. In ogni caso è poco indicato per i videogiochi e maggiormente adatto per utilizzare applicativi d’ufficio.