Cos’è Google Earth VR

Quella della realtà virtuale è ancora qualcosa a cui dobbiamo abituarci, ma di certo gli sviluppatori di applicazioni vogliono venirci incontro in tutti i modi per farci amare questa grande novità. Un modo per fare ciò è un’applicazione creata dal team di Google che ti dà la possibilità di viaggiare per il mondo rimanendo tra le mura di casa tua: Google Earth VR.

Credi che ti stia dicendo sciocchezze e che ciò sia impossibile? Beh, ti sorprenderò perché ti spiegherò per filo e per segno che cos’è Google Earth VR e cosa puoi fare con questa fantastica applicazione.

Cos’è Google Earth VR

Sicuramente conosci Google Earth, il software lanciato a metà del 2001 che ti permette di vedere le immagini della terra – e non solo, dagli ultimi aggiornamenti del software eseguiti – direttamente dai satelliti presenti nello spazio che ha incuriosito milioni di utenti, mostrando le immagini mozzafiato del nostro pianeta.

Beh, Google Earth VR ti permette più o meno la stessa cosa; ma con questa applicazione – scaricabile da Steam gratuitamente – puoi esplorare il mondo, spostandoti da una parte all’altra del globo con un semplice click sfruttando la realtà virtuale. L’applicazione è già sul mercato da quando l’era dei visori per realtà virtuale ha fatto capolino nelle nostre vite, ma c’è una funzione che è stata aggiunta per rendere l’esperienza di realtà virtuale ancora più realistica: lo Street View. Ma scopriamo insieme come funziona.

Come funziona la nuova applicazione di Google

Per poter usufruire dell’applicazione, al momento è possibile soltanto disporre di un visore HTC VIVE, in quanto questo è l’unico attualmente compatibile. Ma Google si sta impegnando per aumentare la compatibilità dell’applicazione con più visori.

Google Earth VR è in realtà già presente sullo store dall’anno scorso, ma è la funzione dello Street View ad essere stata implementata solo adesso – come accennato in precedenza. Quindi, se vuoi sentirti come Superman – e dopo capirai il perché – scopri come funziona l’applicazione con la nuova feature.

  1. Apri l’applicazione e indossa il visore. Il primo caricamento è piuttosto lungo in quanto vi è la necessità di scaricare i dati necessari a garantire un’esperienza di navigazione fluida;
  2. Potrai inizialmente familiarizzare con l’applicazione, soprattutto nel caso in cui non abbia mai avuto la possibilità di utilizzare un visore di realtà virtuale;
  3. Dopo essere entrato nell’atmosfera, puoi iniziare a girare il mondo. Cliccando su un punto del globo, verrai catapultato direttamente lì, come se fossi un supereroe e ti stessi dirigendo a salvare qualcuno da un evento catastrofico – ora capisci perché ho citato Superman? – in men che non si dica. Volerai sulle città e potrai scegliere il punto di vista in cui guardarla;
  4. Se vuoi camminare tra gli edifici e i monumenti della città che stai visitando, ti basterà premere un tasto in direzione del suolo e “atterrerai”, iniziando a camminare con tutta tranquillità. L’applicazione permette di salvare le posizioni nella libreria, in modo da sapere sempre dove sei stato;
  5. Quando hai terminato l’esplorazione di un luogo e vuoi cambiare destinazione puoi spostarti grazie al globo in miniatura presente sopra la tua mano sinistra, che ti permetterà di spostarti in maniera istantanea.

Conclusioni

Il Google Earth VR è, come hai potuto notare, qualcosa di davvero eccezionale e, in mancanza di denaro per prenotare voli aerei o alberghi, questa può essere la soluzione ottimale per visitare dei luoghi senza spostarsi nemmeno di un centimetro – ovviamente non tenendo in considerazione i passi che farai per visitare le città.

Negli ultimi anni Google sta cercando offrire ai suoi utenti delle esperienze fantastiche e delle innovazioni anche nella vita di tutti i giorni; conosci, infatti, Google Home? Se la risposta è no, puoi scoprire qualcosa su di esso qui: le 10 cose più belle da fare con Google Home.

Se invece il mondo della realtà virtuale ti ha affascinato ancora di più, puoi conoscere i migliori giochi per Google Cardboard.

Leggi l’articolo in Inglese con Google Translate.